Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
62bc9324-a64d-4210-91af-3713d4e965a7

Mediobanca e il rebus del banker Canzonieri da risolvere in fretta

</span></figure></a> Francesco Canzonieri, Mediobanca
Francesco Canzonieri, Mediobanca

Resta o se ne va? “Resta, per ora”, dicono i suoi collaboratori. Come dire: c’e’ qualcosa che non va, ma si puo’ risolvere. Francesco Canzonieri, capo del corporate & investment banking di Mediobanca e deal-maker delle maggiori operazioni di m&a degli ultimi mesi, e’ un ancor giovane 41 enne banchiere d’affari emergente – o forse ormai abbondantemente emerso – che si trova nel posto giusto al momento giusto. Nel vecchio tempio della finanza di Piazzetta Cuccia tornato epicentro delle grandi operazioni di merger and acquisition in Italia (e non solo), ha acquisito meriti che lo hanno fatto diventare, nel percepito esterno alla banca, il numero due dell’amministratore delegato Alberto Nagel che ormai da alcuni anni gestisce la banca in ticket con il presidente Renato Pagliaro.

Le voci (riportate dal sito Dagospia) di una sua uscita da Mediobanca hanno fondamento? Secondo quanto risulta a #Bankers&co, e’ vero che esistono “fibrillazioni” tra Canzonieri e il vertice della banca. Ma non si tratterebbe di guerre di potere interno a Piazzetta Cuccia, come visto altre volte in passato. Per capirsi meglio: niente che riporti ai tempi delle vecchie battaglie interne alla Mediobanca guidata dall’ad Vincenzo Maranghi e che videro prima Gerardo Braggiotti e poi Matteo Arpe scontrarsi con il vertice per diventare direttore generale e quindi numero due operativo di Mediobanca. Il tema, in questo caso, pare che sia il riconoscimento di un ruolo che ha portato utili e commissioni all’istituto. Non esistono battaglie di potere, ne’ “avamposti” dell’attivista Leonardo Del Vecchio in Mediobanca. Come spesso capita nel mondo dei banchieri d’affari che portano business e generano utili, c’e’ chi sostiene che la questione gira anche sui “dindi”. Dati i tempi che viviamo, se la vedano in fretta tra di loro nelle segrete stanze di Mediobanca. Poi di nuovo tutti a lavorare. Siamo seri.